Olle Baertling

Olle Bærtling nasce in Svezia, ad Halmstad, il 6 dicembre 1911 e vive a Stoccolma fino al 1928. 

Inizia come artista dilettante, ispirandosi a Matisse e Van Gogh, per poi andare a Parigi nel 1948 dove diventa la pupilla di Andrè Lhote e Fernand Léger. Nel 1947 si sposta in Inghilterra dove dà vita a moltissimi bozzetti di città astratte e nel 1949 espone alla Samlaren Gallery di Stoccolma. Da questo momento Olle Bærtling crea esclusivamente lavori astratti fino a circa il 1950. 

Le similitudini tra le opere di Bærtling e la Op art includono contrasti simultanei e "after-images". I suoi successivi contatti con Auguste Herbin and Victor Vasarely sono per lui di grandissima importanza. Conosciuto come "il creatore della forma aperta" dal 1954 egli sviluppa un forte e dinamico metodo di lavoro con aree pulite racchiuse da linee diagonali nere; tutte le aree vengono estese ai confini della pittura e sembrano continuare nello spazio (ad esempio Iru del 1958; Stockholm, Mod. Mus.). Nelle sue sculture le diagonali nere vengono trasformate in sottili asticelle che dialogano con lo spazio e il volume (vedasi YZE del 1978; Lidingö, Millesgården). Olle Bærtling collabora inoltre con grandi architetti come David Helldén (1905–90) e il suo linguaggio pittorico così concreto e la sua modalità di colore vengono poi ben applicati nei palazzi di Helldén (come ad esempio nell'ingresso al primo Hötorgshus, Stockholm, 1959–60).


Bærtling infine prende parte a numerose mostre internazionali e tiene la sua prima personale da Lorenzelli Arte nel 1973 e prende parte ad una collettiva nel 1975. 

Olle Bærtling muore il 2 Maggio 1981 a Stoccolma.